PROFILO FABRIZIO PASOTTI

Mi chiamo Fabrizio Pasotti, ho 34 anni, sono nato a Broni (PV), sposato.

Sono libero professionista e  svolgo attività di valutazione e riabilitazione neuropsicologica sia in ambito pubblico sia privato nel territorio Milanese e Pavese. Mi occupo anche di ricerca clinica.

Mi sono laureato nel 2004 presso l’Università degli studi di Pavia dove nel 2011 ho conseguito anche il titolo di dottore di ricerca in Psicologia – ambito cognitivo-neuropsicologico e attualmente sono docente di EPG riguardanti gli aspetti clinici e sperimentali in neuropsicologia.

Nel 2006 ho  conseguito il Master in Neuropsicologia clinica, sperimentale e riabilitativa presso l’Istituto Beato Matteo di Vigevano (PV) patrocinato da OPL.

Mi sono formato presso la Clinica Hildebrand (Brissago – Svizzera) ed il Centro di Neuropsicologia Cognitiva dell’A.O. Niguarda Ca’ Granda di Milano che frequento dal 2002 e dove sono stato project manager per la ricerca clinica-assistenziale e responsabile organizzativo del centro in stretta collaborazione istituzionale con l’ospedale.

Dal 2010 sono consulente presso l’U.O. di Riabilitazione Specialistica dell’A.O. della provincia di Pavia – Ospedale Civile di Voghera.

Attualmente sono coordinatore di un progetto ministeriale multicentrico (ricerca finalizzata) presso IRCCS Fondazione “C.Mondino” di Pavia, che vede coinvolti quattro ospedali della Lombardia.

Collaboro con OPL dal settembre 2012 in qualità di membro del gruppo di lavoro sulla figura del Neuropsicologo.

Sono membro della SPAN (Società degli Psicologi di Area Neuropsicologica) e sono socio fondatore dell’Associazione Qualia che si occupa di promuovere la ricerca nell’ambito delle neuroscienze.

Mi candido alle prossime elezioni di OPL con la lista Professione Psicologo perché ritengo importante creare un dialogo ed un confronto con le istituzioni pubbliche e private affinché la Psicologia possa partecipare nella presa di decisioni del sistema sanitario ed inoltre credo utile un coinvolgimento dei colleghi delle province lombarde.

Pertanto mi impegnerò a promuovere:

  • la figura del neuropsicologo e la diffusione della neuropsicologia in ambito pubblico e privato;
  • la creazione di un dialogo con le istituzioni pubbliche per dare voce alla psicologia ospedaliera in generale;
  • il coinvolgimento delle province lombarde su progetti specifici in base alle esigenze territoriali.